Italia

OPEN ARMS ED EMERGENCY: ALTRI DUE DRAMMATICI SALVATAGGI IN UN MARE

Dopo aver soccorso 83 persone in acque internazionali lo scorso 8 settembre e dopo aver atteso invano l’assegnazione di un porto di sbarco sicuro, più volte richiesto alle autorità maltesi competenti del coordinamento del soccorso, la Open Arms si è diretta verso altre due imbarcazioni alla deriva insieme allo staff di EMERGENCY che prosegue nel suo lavoro di assistenza medica a bordo.

Un secondo soccorso è stato dunque effettuato nella notte di giovedì 10 settembre: sull’imbarcazione in condizioni precarie sono state recuperate 87 persone, tra cui 11 donne e due bambini piccoli provenienti da Mali, Costa d’Avorio, Guinea, Burkina e Ghana con lesioni da ustione da carburante.

Una terza operazione di soccorso si è poi conclusa nel pomeriggio di oggi nella zona Sar maltese. Anche in questo caso l’imbarcazione era alla deriva, le 116 persone a bordo, tra cui 2 donne, viaggiavano da 3 giorni sprovvisti di cibo e di acqua e – come conferma EMERGENCY – si trovavano affamati, in condizioni di disidratazione grave, stato confusionale e debilitazione severa. Le persone soccorse arrivano dal Ghana, Bangladesh, Nigeria, Senegal, Mali e Namibia. L’imbarcazione è stata segnalata dalla nave mercantile Morning Crown che, per ore, è rimasta accanto alla barca senza prestare assistenza ai naufraghi, seguendo le istruzioni impartitegli dalle autorità maltesi.

In questo momento il ponte della Open Arms ospita 276 persone, tutte bisognose di ricevere le cure necessarie in un luogo sicuro.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close