Rubriche

Le spugnette della cucina e l’igiene

Le spugnette della cucina hanno una carica batterica importante. Per evitare possibili contaminazioni è opportuno lavarle con cura e cambiarle di frequente.

Le spugnette della cucina ospitano germi e batteri

Le spugnette quotidianamente usate per lavare le stoviglie e i ripiani della cucina hanno una forte carica batterica. Numerose ricerche scientifiche hanno sottolineato che sulle spugne e sui canovacci si trovino estese colonie di batteri.

Un’indagine scientifica pubblicata sulla rivista “Scientific reports” ha rinvenuto un vasto numero di microrganismi potenzialmente pericolosi. Dallo studio è emerso che in un metro cubo si trovino circa 50 miliardi di virus che possono causare dei disturbi in quanti hanno un sistema immunitario indebolito. Il rischio è che i batteri possano trasferirsi sulle stoviglie e sul cibo con tutte le possibili conseguenze.

Per ridurre il rischio di contaminazioni crociate è importante sostituire spesso le spugnette. Inoltre, dopo averle utilizzate è importante lavarle con attenzione e farle asciugare.

Igiene in cucina

L’igiene è fondamentale in tutti gli ambienti, compresa la cucina. I canovacci e le spugnette possono favorire la contaminazione del cibo. Ecco perché gli strofinacci devono essere lavati spesso in acqua calda e sapone. Le spugne impiegate per il piano cottura e i pensili devono essere differenti da quelle dei piatti. Lo stesso discorso vale per i grembiuli e le presine.

E’ bene ricordare che prima di cucinare, o di mangiare, bisogna sempre lavare le mani; lo stesso vale dopo aver toccato i rifiuti o esser andati in bagno. Dopo aver pulito le mani si chiude il rubinetto e si toccano le maniglie della porta con il gomito o con un fazzoletto, così da non entrare in contatto con batteri o virus.

Gli alimenti crudi devono essere sempre ben separati dai cotti. I cibi si conservano all’interno di contenitori chiusi che possono essere riposti in congelatore oppure in frigorifero.

Gli alimenti si scongelano in frigorifero e non all’aria così come le pietanze cotte devono essere messe in frigorifero appena si siano freddate.

Dopo aver pulito delle verdure, aver maneggiato pesce o carne cruda, o aver toccato il  guscio delle uova bisogna lavare accuratamente sia le mani che gli utensili. Inoltre, il pollame e la carne di maiale sono da consumare soltanto dopo una cottura adeguata e completa.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close