Società

Ogliastra Orti sinergici, inclusione lavorativa dei disabili in agricoltura

“Orti sinergici, inclusione lavorativa dei disabili in agricoltura” è il titolo del progetto che la Cooperativa Sociale Alea ha avviato nelle scorse settimane in Ogliastra grazie a un contributo della Fondazione di Sardegna. Nel rispetto delle misure imposte per la prevenzione e il contrasto del Covid -19, sono state avviate all’interno delle fattorie didattiche presenti nel territorio una serie attività di agricoltura sociale a favore di un gruppo di disabili psichici.

Gli utenti in questo modo hanno avuto la possibilità di sperimentare, attraverso il lavoro nei campi e le terapie con gli animali, un nuovo modo di socializzare e di approcciarsi al lavoro all’interno di un ambiente protetto con la guida di soggetti professionalmente idonei.

La cooperativa Alea ha condotto le attività con altri soggetti del territorio e il supporto dei partner coinvolti. Un progetto articolato che prevede più fasi, propedeutiche l’una all’altra, connesse e sinergiche. La prima fase ha previsto lo svolgimento di attività organizzative trasversali volte a porre le basi per un corretto svolgimento del servizio rivolto agli utenti con disabilità psichica, fruitori finali del progetto, in un continuo confronto e coinvolgimento degli operatori di settore.

Nei mesi scorsi, infatti, sono stati individuati gli utenti da inserire nelle attività ed è stata avviata l’attività di orientamento con lo scopo di aiutare gli utenti e le famiglie a definire e costruire il percorso di inserimento socio-lavorativo assieme ai servizi che seguono l’utente.

Nella seconda fase, appena conclusa, sono stati avviati i percorsi di inserimento socio lavorativo presso le fattorie didattiche. Le azioni sono state progettate e adeguate alle esigenze e caratteristiche dell’utenza. Durante l’intero percorso di inserimento in azienda gli utenti sono stati supportati dal tutor aziendale e dai tutor psicosociali. La Cooperativa Alea ha fornito il servizio di trasporto per tutti gli utenti inseriti per raggiungere le aziende agricole dal paese di residenza e viceversa.

Attraverso il progetto si è voluto incidere sul problema dell’inserimento socio-lavorativo degli utenti affetti da disabilità mentale sotto diversi punti di vista: 1) fornire possibilità di inclusione sociale; 2) educare all’autonomia e sperimentare i processi lavorativi tipici della produzione agricola; 3) incentivare e sviluppare l’interazione tra i servizi territoriali che a vari livelli intervengono e si occupano delle fasce deboli; 4) incentivare il lavoro sinergico e di rete tra le varie figure professionali. 

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close