Italia

Sardegna: migranti dall’Algeria ecco perchè

L’Algeria incoraggiarebbe banditismo, terrorismo e l’immigrazione clandestina , a sostenerlo è il coordinatore della Rete Associazioni marocchine in italia

Mentre la propaganda algerina è molto attiva nella divulgazione di disinformazioni sul ripristino marocchino pacifico della sicurezza e della circolazione stradale internazionale avvenuto il 13 novembre a Guergarat tra Marocco e Mauritania, ecco lo stesso paese che ha autorizzato gli autori del banditismo che hanno bloccato per oltre due settimane tale strada, lo stesso paese che tollera la migrazione clandestina dalle coste algerine verso la Spagna e Sardegna approfittando anche del periodo di Coronavirus. 

Lo stesso paese si considera la base e roccaforte del terrorismo islamista di tutti le sigle attive nel Sahel e Sahara.

Purtroppo nell’estrema instabilità del paese del gas e del petrolio i giovani algerini chiedono dignità e di porre fine alla corruzione, agli alti tassi di disoccupazione e alla repressione delle manifestazioni, in un paese dove l’unica prospettiva rimasta sembra quella di emigrare. La migrazione clandestina algerina in Sardegna è alla quotidianità.. 

Una brutta aria che tira, e un pessimo messaggio che l’Algeria manda a se stessa e alla Sardegna.

Inaccettabile il continuo degli sbarchi alle coste italiane davanti agli occhi delle autorità algerine. 

Tutta la nostra solidarietà alla Sardegna.

Nota di Yassine Belkassem coordinatore nazionale della rete delle associazioni della comunità marocchina in Italia 

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close