Editoriali

L’azione dolce ma risoluta di Sua Maestà Mohammed VI nel corso di quest’anno

L’ anno che sta per chiudersi, tra tante burrascose vicende, ed in particolare la crisi pandemica dovuta al Covid 19 , ha allo stesso tempo rappresentano un anno ricco di eventi interessanti per quanto riguarda il Marocco.

In particolare , l’ azione di Sua Maestà nel campo della politica internazionale ha permesso il raggiungimento di importanti obbiettivi. L azione reale e stata improntata al pragmatismo e alla introduzione di un modello di politica estera che un buon amico del Marocco , quale mi considero, non può che apprezzare e che si augura sia conosciuta a maggiormente. Sua Maestà , perseguendo un modello tradizione nell’approcciarsi ai problemi, ha permesso in questo movimentato anno , di far raggiungere al Marocco, un ruolo internazionale veramente interessante. Un ruolo , non solo regionale ma continentale e perché no globale.

La crisi del Covid 19 pur rappresentando un problema da gestire, e stato trasformato da Sua Maestà in una opportunità. Innanzitutto a livello interno , con un piano economico e sociale che ha permesso di unire nuovamente monarchia e popolo in unico sforzo nazionale.

Un impegno che ha visto impegnati datori di lavoro, lavoratori e tutto l’ apparato statale . Il tutto in una ottica di non lasciare nessuno in condizioni di precarietà e povertà. La stessa pandemia e divenuta opportunità per il Marocco e per l ‘africa.

Il Marocco, infatti e riuscito ad implementare in poco tempo una rivoluzione industriale imponente, trasformando rapidamente il proprio apparato produttivo al servizio della salute. Questo cambiamento ha permesso al Regno di divenire presto autosufficiente nel settore sanitario. Un cambiamento anche culturale che permetterà anche in futuro di essere un punto di rifermento nella produzione di apparati medicali per l’Africa. Non per nulla Sua Maestà ha messo a disposizione questa capacita produttiva nel settore medico sanitario a numerosi paesi del continente . Non solo la pandemia e stata al centro dell’ azione reale , ma anche l’ Africa

Nel corso del 2020 il Marocco , e divenuto un attore importante della crisi libica . Infatti agendo nel quadro delle Nazioni Unite , Il Regno e stato un facilitatore del processo di pace in Libia riuscendo a mettere allo stesso tavolo entrambe le parti in causa.

L’ obbiettivo era e rimane la salvaguardia dell’ unita della nazione libica e con essa la dimostrazione che le crisi regionali possono e devono essere affrontate solo dalle parti in causa senza interferenze esterne.

La salvaguardia del unità nazionale del Marocco, e stata un altro grande asse, della azione reale, che ha permesso lo sviluppo delle provincie di meridionali del Regno in una ottica nazionale. Infatti, nonostante alcuni tentativi di provocazioni esterne. Sua Maestà grazie alla sua costante presenza morale di fare in modo che le provincie meridionali del Regno, nel corso del 2020 , siano divenute il centro di una più vasta politica internazionale.

L’ apertura di diversi consolati nel sud del Marocco , se da un lato dimostra che la legittimità del Regno su queste regioni, dall’ altro permette di trasformale nel crocevia di un triangolo tra Europa, Africa e Atlantico . Su questo punto ritorno sulla necessita di un maggior interessamento dell’ Italia e su un auspicato riconoscimento della sovranità marocchina di queste provincie da parte del nostro paese. Anche il medio oriente non e sfuggito all’ interessamento di Sua Maestà.

L’ aiuto alle popolazioni di Beriut dopo l’ esplosione del porto o la ripresa dell’ attività degli organismi di consultazione tra Marocco e Israele, mi permette di sottolineare come il Marocco e Sua Maestà possano divenire protagonisti di un nuovo slancio per la pace in medio oriente. Una pace duratura perché portata avanti da una Nazione, Il Marocco, che ovunque opera senza mire territoriali, ma perché comprende che la stabilità e l unica via per la risoluzione del conflitto medio orinatale . Una tensione che dura da oltre un secolo a causa della politica coloniale posteriore alla Grande Guerra e che ancora oggi pesa sulla popolazione palestinese ed ebraica.

In conclusione , in quest’ anno difficile, Sua Maestà ha portato avanti, come fecero sempre i suoi avi, una politica estera ed interna dolce ma allo stesso tempo ferma e decisa. Oggi investire nel sostegno del Marocco e più che mai fondamentale ,anche per la stessa Europa ed in modo particolare per le nazioni mediterranee del vecchio continente. Come italiani ed europei dovremmo chiedere, dovremmo pretendendole per la nostra sicurezza una politica estera italiana ed europea di pieno appoggio al Marocco ed Sua Maestà Mohammed VI.

Marco Baratto

Forum Lombardia Marocco

Tag

Marco Baratto

Nato a Milano , Laureato in Legge. Si interessa di storia dei rapporti tra l'Europa e il Mediterraneo. Ha Fondato il Gruppo Informale "Incontri Culturali Franco Italiani" per la valorizzazione dei rapporti tra i Paesi della Francofonia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close