Società

Esce oggi QUANDA SJ ‘FFORTE, il nuovo brano del cantautore abruzzese SETAK

Quanda sj ‘fforte”, in uscita sui digital store e in rotazione radiofonica da venerdì 19 febbraio, è il brano del cantautore abruzzese Setak che anticipa il nuovo album di inediti, Alestalé.

È possibile ascoltare la canzone sui digital store a questo link:https://backl.ink/144705992 

Quanda sj ‘fforte ovvero, l’ottusità delle persone violente e delle violenze in generale. 

“Questo, così come gli altri brani del nuovo disco sono pronti da mesi, ben prima dell’inizio della pandemia – racconta Setak. In questi tempi strani, in cui ci hanno detto che ‘andrà tutto bene’ e invece la sensazione è un po’ diversa, scegliere di uscire con questo brano significa, per me, sottolineare il concetto che se proprio devo morire vorrei accadesse dopo aver pubblicato questo album”. 

“Quanda sj ‘fforte, nin n’ti vó manghe la morte | tu sta coccje ha da cagnà | jitte sta raje ca nin n’ti porte ninde | povere a ‘cchj ci càpete”.

Il brano unisce il dialetto abruzzese a sonorità internazionali, vero e proprio ‘marchio di fabbrica’ del sodalizio creato tra Nicola Pomponi e Fabrizio Cesare, che cura la produzione anche di questo nuovo lavoro come era stato per l’album d’esordio di Setak, Blusanza, uscito nel maggio 2019.

CREDITS

QUANDA SJ ‘FFORTE

(Pomponi/Cesare)

Setak: voce, cori, chitarre elettriche, chitarre acustiche, chitarre slide, steel guitars, bouzouki, mani

Fabrizio Cesare: basso, piano wurlitzer, tastiere, darboukka, djembe, mani

Nazareno Pomponi: organo hammond, cori, mani

Matteo di Francesco: batteria

Carlo di Francesco: udu drum, shaker, vibraslap, mani

Leon Pantarei: toysnare groove

Registrato al Blusanza studio di Velletri (Rm)

Mixato e masterizzato da Walter Babbini – PurpleMix Studio

TESTO

QUANDA SJ ‘FFORTE

(Pomponi/Cesare)

E ‘ppare tutte nurmale

ma chj ti véde sa da ‘ccjuccà

e n’si capiscje chj pinze

v’uje cacchjdune cja da ‘bbuscà 

chj ha raggione ha ‘rraggione  

ma tu li sj’, chj ti pó ‘firmà?

Quanda sj ‘fforte, nin n’ti vó manghe la morte

tu sta coccje ha da cagnà

jitte sta raje ca nin n’ti porte ninde

povere a ‘cchj ci càpete

E tu nin sinde dulore

chj sta putenze chj ‘ffa trimà

tj ‘nu curaggje da lijone

n’ci pinzà mj’ ca ti pu’ fa male.

chj ha raggione ha ‘rraggione

ma tu li sj’ ca nin n’ti pu’ firmà.

Quanda sj ‘fforte, nin n’ti vó manghe la morte

tu sta coccje ha da cagnà

jitte sta raje ca nin n’ti porte ninde

ca’ dumane ta da virgugnà

Sfunne tutti cose chj ecche nin ‘va ‘bbóne ninde

scànzeteve e ‘ffacéteme passà

ucchjie di sangue chj n’ci vede ‘cchjiù ‘nninde

povere a ‘cchj ci càpete

e chj ha raggione ha ‘rraggione

ma tu li sj’ ca nin n’ti pu’ firmà

Quanda sj ‘fforte, nin n’ti vó manghe la morte

tu sta coccje ha da cagnà

jette sta raje ca nin n’ti porte ninde

ca dumane ta da virgugnà

ucchjie di sangue chj n’ci vede ‘cchjiù ‘nninde

povere a ‘cchj ci càpete

Quanda sj ‘fforte, nin n’ti vó manghe la morte.

TRADUZIONE

Quanto sei forte

E pare tutto normale

ma chi ti vede si deve nascondere

non si capisce cosa pensi

oggi qualcuno ce le prenderà

E chi ha ragione ha ragione

ma tu lo sai che non ti puoi fermare

Quanto sei forte, non ti vuole neanche la morte

tu devi cambiare questa testa

getta questa rabbia che non ti porta niente

povero a chi ci capita

e tu non senti dolore

con questa potenza che fa tremare

hai un coraggio da leone

non pensi mai che ti puoi far male

E chi ha ragione ha ragione

ma tu lo sai che non ti puoi fermare

Quanto sei forte, non ti vuole neanche la morte

tu devi cambiare questa testa

getta questa rabbia che non ti porta niente

che domani ti dovrai vergognare

Sfonda tutto, che qui non va bene niente

spostatevi e fatemi passare

occhi di sangue che non vedono più niente

povero a chi ci capita

E chi ha ragione ha ragione

ma tu lo sai che non ti puoi fermare

Quanto sei forte, non ti vuole neanche la morte

tu devi cambiare questa testa

getta questa rabbia che non ti porta niente

che domani ti dovrai vergognare

occhi di sangue che non vedono più niente

povero a chi ci capita

Quanto sei forte, non ti vuole neanche la morte.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close