Editoriali

IL MAROCCO PRIMO PAESE COVID FREE IN AFRICA?

“Il comitato tecnico per la vaccinazione ha approvato i vaccini Sputnik e Johnson & Johnson. Ha presentato la sua decisione al Ministero della Salute, che sta esaminando i loro fascicoli. Il DMP sta studiando i file di autorizzazione all’uso di emergenza, tra cui quello del vaccino AstraZeneca prodotto dall’azienda sudcoreana SK Bio. L’obiettivo è diversificare i vaccini per proteggersi dai rischi di approvvigionamento. gli obiettivi della campagna nazionale di vaccinazione anti-Covid sono compromessi dalle difficoltà di approvvigionamento. Difficoltà subite da tutti i paesi del mondo, Marocco compreso.

La lentezza delle consegne da parte dei nostri due principali fornitori, Sinopharm e AstraZeneca, rende difficile mantenere un tasso elevato consentendo di completare la campagna entro i tempi inizialmente stabiliti. In effetti, vista la situazione attuale, il Comitato Tecnico per le Vaccinazioni ha deciso di convalidare nuovi vaccini candidati. “La malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) continua ad emergere nel mondo e nel nostro Paese con la comparsa di nuove varianti del virus, che ci spinge ad adattare strumenti terapeutici e scientifici e ci spinge a diversificare l’offerta di vaccini da cui il Regno potrà beneficiarne “, si legge in un documento che stabilisce un benchmark dei vaccini candidati contro la SARS-Cov-2, di cui Médias24 detiene una copia.

Due vaccini la cui efficacia e tolleranza sono state dimostrat Quando è stato contattato, il dottor Said Afif, un membro del comitato scientifico e tecnico per la vaccinazione, ha spiegato che il comitato aveva effettivamente effettuato un benchmark che riguardava 12 vaccini in studi clinici di fase III. È stato effettuato sulla base di diversi criteri tra cui l’efficacia sulla forma originale del virus e le nuove varianti, il programma di vaccinazione, la sicurezza del prodotto e la sua tolleranza e l’approvazione da parte delle autorità sanitarie, …

“Il comitato tecnico ha fornito un parere scientifico convalidando due nuovi vaccini, Sputnik e Johnson & Johnson”, ci ha detto. “Il nostro Paese ha sempre posto in essere assetti d’avanguardia. Questo è anche il caso dei vaccini. Abbiamo sottoposto la nostra decisione al Ministero della Salute, che ora deve subentrare attraverso la Direzione dei Medicinali e Farmacia (DMP)”, ha aggiunge. Secondo le spiegazioni del dottor Afif, la scelta del comitato tecnico è ricaduta su questi due vaccini candidati perché sono vaccini la cui efficacia e tolleranza sono state dimostrate e che hanno ottenuto l’approvazione per l’uso di emergenza in molti paesi. Ma anche perché non richiedono condizioni logistiche draconiane. Come i vaccini di Astrazeneca e Sinopharm, questi nuovi vaccini possono essere conservati a una temperatura compresa tra 2 e 8 ° C. ” Questa è la notizia che è stata rilanciata dalle principali testate online de Marocco . 

Ora il Regno ha a disposizione una potenza vaccinale impressionate. Infatti accanto a Astrazeneca, Sinopharm si aggiungono Sputinik e Johnson & Johnson..

Il Marocco ha già vaccinato oltre 4 Milioni di persone un bilancio incoraggiante e che fa del Marocco il Paese che in maniera pragmatica ha premesso di raggiungere livelli che molte nazioni europee neppure hanno raggiunto. 

Cosa dimostra questo successo? in primo luogo che il Marocco è dotato di un sistema sociale e collettivo dove tutte le forze che lo compongono sono unite , il secondo la stabilità della Nazione, infatti solo un Paese stabile e affidabile può riuscire a raggiungere in una situazione di crisi una cosi buona organizzazione . Terzo una politica pragmatica difronte alle questioni nazionali. Il Marocco non è posto il problema ideologico della provenienza dei vaccini . La questione era l’affidabilità degli stessi e di raggiungere il prima possibile la fine della pandemia. 

A questi livelli di vaccinazione il Marocco si candida ad essere uno dei primi paesi africani covid free e pronto a raccogliere la sfida globale del post Covid.

La lezione è chiara e duplice : primo l’Italia e l’Europa devono superare le logiche ideologiche difronte ad una crisi sanitaria in quanto per primo viene l’interesse dei propri abitanti anche rispetto alle idee di parte o politiche, la seconda che l’Europa e l’Italia devono accellerare nello stabilire relazioni più forti e salde con il Regno del Marocco anche in campo medico e farmacologico con la creazione di un polo di ricerca paritetico che permetta di sviluppare una nuova sfida nel campo della ricerca medica. 

L’Europa deve guardare al passato . Una riscoperta della collaborazione europeo marocchina come ai tempi dell’Andalusia dove sapere arabo ed europeo si fusero in un esperienza di civiltà che andrebbe riscoperta.

Marco Baratto

Forum Lombardia Marocco

Tag

Marco Baratto

Nato a Milano , Laureato in Legge. Si interessa di storia dei rapporti tra l'Europa e il Mediterraneo. Ha Fondato il Gruppo Informale "Incontri Culturali Franco Italiani" per la valorizzazione dei rapporti tra i Paesi della Francofonia

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button
Close