Società

L’Orchestra Sinfonica del Canepa riprende a suonare

Un grande concerto sinfonico inaugurerà venerdì 16 aprile alle 20 al Teatro Verdi il nuovo anno accademico del Conservatorio Luigi Canepa di Sassari. Sul palco dello storico teatro cittadino l‘Orchestra Sinfonica del Canepa, diretta da Andrea Raffanini, proporrà un programma di grande originalità che mette insieme brani di Igor Stravinskij, Giuseppe Martucci e Wolfang Amadeus Mozart. L’istituzione di alta formazione propone la nuova produzione musicale all’interno di un evento che, nel rispetto delle normative anticovid, si svolgerà senza pubblico in sala ma verrà trasmesso in diretta streaming da Videolina e sul canale 819 di Sky.

Il concerto avrebbe dovuto inaugurare il 27 marzo scorso la riapertura al pubblico dei teatri sardi ed era stato pensato e organizzato quando la Sardegna era ancora in zona bianca. “Purtroppo la repentina impennata della curva dei contagi – spiega il direttore del Conservatorio Mariano Meloni – e le conseguenti restrizioni imposte in seguito al passaggio dell’Isola prima a zona arancione e quindi a zona rossa hanno reso impossibile aprire l’evento al pubblico. Crediamo però sia importante che questo concerto veda comunque la luce non solo perché, grazie alla diretta, sarà fruibile ad un vasto pubblico ma anche per il valore artistico, didattico e sociale che rappresenta. In queste ultime settimane infatti questo progetto ha rappresentato per gli studenti e i docenti che fanno parte dell’orchestra del Canepa l’occasione per riprendere a lavorare e suonare insieme. Applicando le regole di distanziamento e sanificazione siamo riusciti a proseguire nonostante tutto le prove di un concerto che mette insieme due momenti importanti per la nostra istituzione: l’inaugurazione dell’anno accademico appena iniziato e il concerto con il quale tradizionalmente il conservatorio rivolge il suo devoto omaggio alla Santa Pasqua. In tema con la ricorrenza appena trascorsa il nostro concerto vuole appunto rappresentare un augurio di rinascita rivolto a tutti gli italiani e di ripresa delle attività artistiche del nostro Paese culla della cultura musicale di tutti i tempi. Siamo felici di riprendere la nostra attività concertistica al Verdi, lo storico teatro cittadino ormai chiuso da troppi mesi”.

Ad aprire solennemente la cerimonia sarà “Fanfare for a new Theatre” di Igor Stravinskij (1971-2021) musicista di cui quest’anno ricorre il cinquantenario dalla morte. Dopo i saluti istituzionali del Presidente Ivano Iai, del Direttore Mariano Meloni, del Presidente della Consulta degli studenti del Conservatorio Raffaele Puglia e del Sindaco di Sassari Nanni Campus la conduttrice della serata Ambra Pintore presenterà il secondo brano in programma il “Notturno” Op. 70 n. 1 di Giuseppe Martucci (1856-1909). L’adagio ricco di dettagli sonori è conosciuto grazie alle interpretazioni di Arturo Toscanini e più recentemente del maestro Riccardo Muti che lo ha proposto in tutto il mondo. 

In occasione del Concerto di inaugurazione del nuovo anno accademico – spiega il Presidente Ivano Iai – verrà assegnato un alto riconoscimento che si è voluto denominare “Una sinfonia per…”, istituito dal Conservatorio come attestato di benemerenza da assegnare ogni anno a personalità che si siano distinte nel territorio per l’impegno a favore della cultura e delle discipline musicali. L’onorificenza consiste in una sinfonia che l’orchestra del Conservatorio eseguirà durante il concerto e dedicherà all’insignito nel corso di una cerimonia particolarmente emozionante. La nostra Istituzione appartiene al novero degli Enti pubblici di alta formazione accademica, ma è, al tempo stesso, fucina di talenti e luogo fertile di produzione artistica d’eccellenza, purtroppo sospesa nell’anno appena trascorso a causa del frangente di emergenza sanitaria. Abbiamo sperimentato nuove forme di realizzazione delle finalità istituzionali, adeguando le modalità di somministrazione dell’offerta formativa al rispetto scrupoloso delle disposizioni restrittive e consentendo ai nostri studenti di tenere viva la passione per la musica e rafforzare il patrimonio di conoscenze ed esperienza. Il concerto rappresenta un importante traguardo: l‘Orchestra del Conservatorio riprende a suonare sotto i buoni auspici di un pubblico il cui calore tornerà prestissimo ad animare i nostri teatri“.

A chiudere la serata sarà la Sinfonia n. 41 K 551 “Jupiter” di Wolfgang Amadeus Mozart. Composta a Vienna nell’estate del 1788 è l’ultima delle sinfonie del musicista austriaco e si compone di quattro movimenti. La tonalità scelta da Mozart è quella del do maggiore carica di calda luce solare. Il luminoso splendore, la maestosità e il carattere solenne e grandioso di quest’opera che sfoggia un uso intensivo e sapiente del contrappunto gli hanno valso l’appellativo trionfale di Sinfonia “Jupiter” in riferimento alla suprema divinità della mitologia romana ma anche al più grande pianeta del sistema solare.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close