Economia

Vitalik Buterin dice di essere preoccupato per il Bitcoin a lungo termine. Ecco perché

La battaglia tra proof-of-work e proof-of-stake si sta scaldando.

Vitalik Buterin, l’uomo che sta dietro a Ethereum (ETH) e uno dei protagonisti del mondo delle criptovalute, ha espresso preoccupazioni sul Bitcoin (BTC) e sulla sua capacità di competere a lungo termine. Parlando con Noah Smith, giornalista economico ed ex editorialista di Bloomberg, Buterin ha affermato che il Bitcoin potrebbe arrivare a un punto in cui non riesce a generare abbastanza commissioni per mantenersi sicuro. 

A Ethereum mancano poche settimane per fare il salto da un modello di mining proof-of-work a un sistema proof-of-stake. Non solo il proof-of-stake consuma una frazione dell’energia del proof-of-work, ma Buterin sostiene anche che si dimostrerà più sostenibile nel lungo periodo. Al contrario, il nonno delle criptovalute Bitcoin rimane fedele al suo sistema proof-of-work. Questo è un fattore importante per cui Buterin è pessimista sul suo futuro. Analizziamo le sue due maggiori preoccupazioni.

1. Bitcoin non genera abbastanza commissioni per proteggere il suo sistema

La maggiore sicurezza è una delle attrattive della tecnologia blockchain, in particolare per le criptovalute più grandi come il Bitcoin. Ma Buterin sostiene che non dobbiamo dare per scontato che la rete Bitcoin sarà sempre sicura. Spiega che l’efficienza e la sicurezza sono questioni strettamente connesse. “La domanda è sempre: quanta sicurezza si può acquistare per ogni dollaro all’anno che si spende per pagarla?”, ha detto.

Esistono diversi modelli che le blockchain utilizzano per impedire ai malintenzionati di manipolare la catena. I principali sono il proof-of-work e il proof-of-stake. Un modo in cui il proof-of-work ricompensa i minatori che convalidano i blocchi è quello di dare loro nuove monete man mano che vengono prodotte. Ma Bitcoin produrrà solo un numero finito di monete. Alla fine, i minatori non riceveranno nuove monete, ma solo le commissioni pagate sulle transazioni. 

La preoccupazione di Buterin è che questo non sia sufficiente. “La sicurezza del Bitcoin deriverà interamente dalle commissioni, e il Bitcoin non sta riuscendo a ottenere il livello di entrate da commissioni necessario per proteggere quello che potrebbe essere un sistema multimiliardario”, afferma Buterin. “Le commissioni del Bitcoin sono di circa 300.000 dollari al giorno e non sono cresciute molto negli ultimi cinque anni”, ha aggiunto.

2. Il mantenimento della proof-of-work potrebbe compromettere la sicurezza di Bitcoin

“Come sarà il futuro quando ci saranno 5.000 miliardi di dollari di Bitcoin, ma basteranno 5 miliardi di dollari per attaccare la catena?”, si chiede Buterin. Senza entrare troppo nel tecnico, Buterin ritiene che il Bitcoin potrebbe crescere così tanto che, con abbastanza soldi, i malintenzionati potrebbero sovvertire la sua rete, sebbene su Biticodes sia ancora molto negoziato. 

Le criptovalute sono molto diverse dalle valute tradizionali. La magia della blockchain permette loro di eliminare l’intermediario, quindi non hanno bisogno di una terza parte come una banca o un governo per mantenerle. Ma questo potrebbe renderle vulnerabili a diversi tipi di attacchi.

Buterin afferma che i minatori proof-of-work hanno costi medi di gestione e costi medi di ingresso. Al contrario, i validatori di proof-of-stake hanno bassi costi correnti e alti costi di ingresso. “Si scopre che la sicurezza dipende solo dai costi di ingresso, perché è questo che un attaccante deve pagare per attaccare”, dice Buterin.

Non crede che ci sia la volontà politica di spostare il Bitcoin verso un sistema proof-of-stake come sta facendo Ethereum. Ma sottolinea anche che un attacco al Bitcoin farebbe cambiare idea alla gente molto rapidamente.

Cosa significa per gli investitori

Quando parla una leggenda della crittografia come Buterin, vale la pena prestare attenzione. Il 28enne ha trascorso anni immersi in tutto ciò che riguarda la blockchain ed è la forza trainante di gran parte del successo di Ethereum. Se pensa che ci siano rischi di sicurezza a lungo termine associati al modello di convalida proof-of-work del Bitcoin, quasi certamente ha ragione. 

Tuttavia, vale anche la pena notare che questo è il mese in cui Ethereum si allontana dal modello proof-of-work che lui critica. Pertanto, è un buon momento per Buterin per sottolineare le sue debolezze. Il proof-of-stake ha la sua parte di critiche e Buterin deve conquistare la comunità di Ethereum. Per cominciare, non è ancora così collaudato: finora le due criptovalute più importanti hanno entrambe funzionato con un modello proof-of-work. Inoltre, alcuni sostengono che sia più centralizzato, il che crea diversi tipi di problemi. 

Gli investitori a lungo termine nutrono ancora diverse speranze per il Bitcoin: alcuni, come Jack Dorsey, ritengono che diventerà la valuta di Internet. Ark Invest pensa che potrebbe conquistare quote di mercato in diversi modi, tra cui il settore delle rimesse internazionali, diventando una sorta di oro digitale e agendo come valuta nei mercati emergenti. Le domande di Buterin sulla sua sicurezza potrebbero minare queste proposte, ma c’è ancora molto da giocare.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Privacy Policy Cookie Policy