EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Il Kama Sutra il classico della letteratura erotica

Il Kama Sutra, classico della letteratura sanscrita sull’amore, antichissimo condensato della saggezza indiana, per alcuni opera scandalosa e moralmente inaccettabile.

Il Kama Sutra ( Kama: amore, piacere; Sutra: aforisma) o Aforismi sull’amore, secondo la leggenda indù, possiede un’origine divina, poiché  Shiva ( massima divinità indù e del Tantra), dopo essersi innamorato della proiezione femminile di sé stesso, Chakti, ed aver provato, grazie ad essa, le gioie del sesso, volle immortalare le prassi amorose sperimentate, dettando un trattato di arte erotica al suo servo Nandin. Si dovrà aspettare, sempre secondo la leggenda, al terzo secolo dopo Cristo, che Mallnaga Vatsayayana stili definitivamente l’opera: il Kama Sutra. Del pandit Vatsayayana non ci resta nessuna notizia attendibile e qualcuno ne mette perfino in discussione l’esistenza, certamente egli fu un compilatore che mise insieme varie opere sanscrite risalenti a epoche precedenti.

Secondo la tradizione indù, gli esseri umani, cui è concessa una vita di cento anni, dovrebbero perseguire tre obbiettivi : la virtù (darma), il successo materiale (artha) e il desiderio o il piacere (kama), ciascuno a suo modo, ma in armonia. Il fine dichiarato dell’opera di Vatsayayana è quello di trattare dell’amore che viene posto al terzo posto nella scala dei valori del trivarga, poiché il Kama va appreso dal Kama Sutra e dall’esperienza personale. Il Kamasutra vuole portare armonia e felicità nel pieno rispetto della  religione, della morale, della vita sociale ed economica, nulla da vedere con amori turbinosi che distruggano le leggi morali e la società.
La sessualità non viene glorificata, ma trae la sua gloria dall’essere un aspetto di un più vasto itinerario spirituale.

Opera seria, parte di una biblioteca etica e religiosa nella quale la tradizione indù la ha sempre inquadrata, il Kamasutra è rivolto a un pubblico socialmente elevato ed è scritta per tutti, uomini e donne e anche e soprattutto per le ragazze che si apprestano al matrimonio.

Nel mondo occidentale invece è stato interpretato in modi molto diversi nel corso del tempo ed il capitolo che elenca le posizioni è il più famoso e per questo è spesso scambiato per l’intera opera. Tuttavia, solo parte di un singolo capitolo del libro, è dedicato alle posizioni sessuali, e l’erotismo non è altro che una tappa fondamentale, ma non esclusiva, per realizzare l’equilibrio perfetto tra i valori che dovrebbero ispirare la vita di ciascuno.

Qui l’arte d’amare viene elevata ad esperienza mistica per eccellenza, momento sacro di fusione con il Dio supremo e di completamento reciproco nella coppia. Per il Kama Sutra fare l’amore è come un’unione divina ed il sesso in sé non ha nulla di torpido e osceno, non è uno sbaglio, a meno che non lo si faccia con frivolezza.

Fra gli uomini il sesso è un piacere raffinato e andrebbe trattato con serietà pari a quella con cui si cerca di raggiungere il successo o la virtù e fare l’amore, uno degli esiti fondamentali del kama, è sia un’arte, sia una scienza. Considerare il Kama Sutra un manuale sul sesso contribuisce senz’altro al disordinato approccio con la vita, e, al pari del piacere stesso, svanirà come un’effimera, seducente esperienza presto dimenticata.

Per la giusta interpretazione del testo, è necessario capovolgere la gerarchia dei nostri valori personali, mettendo la liberazione in cima anziché al fondo, non dimenticando che ciò che agli occhi degli occidentali possono talora apparire immagini oscene o, dirittura peccaminose, per gli indiani rappresentano semplicemente il mezzo per raggiungere uno dei fini dell’esistenza: l’appagamento totale dei sensi. Il corteggiamento, la conquista e le varie pratiche amatorie rendono l’amplesso importante quanto il cibo, ossia indispensabile per la vita.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

Comments

  • Tantra: il rituale sacro dell’atto sessuale | Mediterranews 24 agosto 2011 at 8:37 AM

    […] l’immobile, il contemplativo. E’ la Prakrti che genera e nutre. E’ il mistero dell’unione dell’impassibile Shiva con l’ardente Chakti, è la costituzione della coppia divina […]

    Reply
  • Il Mandala lo specchio dell’anima in cui leggere noi stessi | Mediterranews 17 settembre 2011 at 8:27 PM

    […] Inoltre il triangolo con la punta in basso rappresenta lo yoni, e dunque la divinità femminile, la Chakti; quello con la punta in alto indica Schiva, la divinità maschile. Il punto centrale (bindu) […]

    Reply
  • La sacralità dell’atto sessuale: il maithuna, o meditazione tantrica | Mediterranews 17 ottobre 2011 at 7:43 PM

    […] In effetti nell’atto sessuale troviamo alcune condizioni che la meditazione cerca con altri mezzi: la focalizzazione, l’unificazione interiore, il superamento del dualismo, l’assorbimento totale. Nell’amplesso avremo una forma potenziale di meditazione elementare, ma la mente troppo spesso toglie purezza all’atto sessuale, talvolta in nome di una moralità malintesa. Niente invece è più morale del godimento. “Quando un uomo gode è Dio che gode”, si legge nel Kamasutra di Vatsyayana. […]

    Reply