Italia

Domenico Rigante: fermati altri 4 membri del clan Ciarelli

Pescara, ad uccidere Domenico Rigante non è stato solo Massimo Ciarelli. E’stata questione di clan. Le indagini hanno portato a ben 4 fermi giudiziari tutti appartenenti alla famiglia, quindi clan, Ciarelli e tutti di una età  compresatrai 23 ed i 24 anni. I fermati risultano tutti essere cugini o nipoti di Massimo Ciarelli. I quattro sono stati intercettati fuori dalle loro abitazioni, con concreto pericolo di fuga.Per loro si ipotizzano i reati di concorso in omicidio, tentato omicidio, porto abusivo di armi, violenza domiciliare e minacce.


Nei confronti dei quattro sottoposti a fermo d’iniziativa dalla squadra mobile, diretta da Pierfrancesco Muriana, gli investigatori hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza e col passare dei giorni si sarebbe fatto più forte il quadro probatorio nei confronti di Massimo Ciarelli, che ieri di fronte al gip si è avvalso nella facoltà di non rispondere ma si è professato innocente.


Sembra essersi squarciato dunque il muro di silenzio che si era creato in relazione alla spedizione punitiva promossa da Ciarelli la sera del Primo maggio in via Polacchi.
I quattro sono stati rintracciati poco fuori Pescara e non a casa, considerato che dopo l’omicidio molti nomadi hanno lasciato le proprie abitazioni. Sono stati condotti in carcere e sono in isolamento. Potranno avere un colloquio con i rispettivi difensori quando lo disporra’ il gip. Il caso potrebbe non essere chiuso: la Mobile ritiene che all’appello possano mancare una o due persone, considerato che il commando era composto da sei o sette ragazzi.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close