Medit...errando

Arbus: va di scena il pellegrinaggio a Sant’Antonio di Santadi

Arbus: va di scena il pellegrinaggio a Sant'Antonio di SantadiArbus, comune tra mare e colline sulla costa ovest della Sardegna, la prossima settimana vedrà il pellegrinaggio a Sant’Antonio di Santadi.E’ sicuramente la festa più sentita dagli arburesi.

I fedeli accompagnano a piedi o nelle tradizionali “traccas”, carri a buoi addobbati con dei teli bianchi lavorati a mano, il simulacro del santo, posto all’interno di un cocchio trainato anch’esso da buoi.

Il pellegrinaggio parte dalla Chiesa di San Sebastiano, nel centro di Arbus e si conclude nella Chiesa di Sant’Antonio di Santadi, frazione di Arbus sorta a 6 km. da Torre dei Corsari. La partenza avviene sempre di sabato. Il ritorno invece è sempre il martedì successivo.

Partecipano alla partenza del Santo anche gruppi folkloristici provenienti da varie parti della Sardegna, cavalieri a cavallo e la banda musicale “Ennio Porrino” di Arbus.

Con i suoi 35 km. circa, percorsi tutti in un giorno, sia all’andata che al ritorno, questo pellegrinaggio risulta essere uno dei più lunghi al mondo.

15 Giugno – Valorizzazione della Pulitura dei fiori per la Ramatura.

All’allestimento del Cocchio.

Lungo le strade del paese e nella piazza di chiesa, sarà svolta in abiti tradizionali l’attività di pulitura dei fiori per la ramadura. I petali dei fiori saranno raccolti nei cestini tradizionali di olivastro, canna, olmo e giunco, in crobisi e corbule per essere poi utilizzati il sabato della processione per la ramadura.

Sarà possibile assistere all’allestimento del cocchio del Santo, e apprendere della tradizione con la quale si stabilisce quale famiglia di Carradoris accompagnerà con il suo giogo di buoi il Santo.

16, 17, 18, 19 Giugno – Giornate della Festa

Le giornate della Festa sono quattro. I festeggiamenti iniziano il sabato, con la partenza del pellegrinaggio da Arbus verso Sant’Antonio di Santadi. Una sfilata di gruppi folk, di cavalieri, della banda musicale, seguita dal cocchio del santo, dalla processione dei fedeli e dalle tradizionali traccas a buoi e a motore, attraversano Arbus e Guspini. Seguono nelle giornate di domenica e lunedì i festeggiamenti religiosi e civili, mostre mercato, spettacoli, degustazioni di prodotti locali, giochi di società, ecc.

Il martedì il pellegrinaggio si svolge percorrendo il percorso nella direzione inversa, per riaccompagnare il santo da Sant’Antonio di Santadi ad Arbus.

01 Luglio – Giornata conclusiva dei festeggiamenti

Una giornata conclusiva in cui saranno effettuate le premiazioni dei partecipanti alla Festa.

Contributo di Andrea Arbus-Meteo

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close