EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Banda della Magliana. Sequestro beni a Olbia per Enrico Diotallevi e altri

Sigillo. Archivio,immagine  non relativa al post

Sigillo. Archivio,immagine non relativa al post

La Guardia di finanza e i carabinieri del Ros hanno posto sotto sequestro di beni per 25 milioni a Ernesto Diotallevi, considerato uno dei capi storici della banda della Magliana.  Nel blitz sono stato sequestrati numerosi beni immobili, che l’uomo, ritenuto uno dei capi della banda della Magliana aveva acquisito

Tra i beni sequestrati a Ernesto Diotallevi risulta un lussuoso appartamento in zona piazza Fontana di Trevi ma anche un magnifico complesso di villette a schiera con vista a mare in Sardegna.

Il sequestro di beni emesso dalla DDA di Roma oltre ad Ernesto Diotallevi va a colpire anche  la moglie Carolina Lucarini, i figli Mario e Leonardo e qualche prestanome.

Da quel che hanno rilevato gli inquirenti Diotallevi sarebbe risultato a capo di un ingente patrimonio immobiliare di certa derivazione illecita non solo, è risultato pure il capo di una pericolosa realtà criminale. Infatti   Ernesto Diotallevi è da sempre ritenuto il  faccendiere legato agli ambienti dell’estrema destra, non solo già intorno alla metà degli anni settanta è conosciuto per la sua attività di usuraio. Diotallevi Viene poi introdotto nella banda  della Magliana da Abbruciati come suo tramite con la mafia siciliana (per via della sua amicizia con Pippo Calò), verso altre associazioni malavitose e verso il mondo economico finanziario, nel quale vanta notevoli entrature. Col tempo, poi, va a costituire l’anima finanziaria del gruppo di Testaccio-Trastevere, oltre che a occuparsi di riciclare e investire i capitali della Magliana


Nella inchiesta patrimoniale poi la GdF ha potuto rilevare l’intestazione di beni immobili a persone vicine e compiacenti  come Roberto Ciotti e Alessandro Floris,  a capo delle relative società immobiliari  C Immobiliare S.r.l. di Rimini, Gestimm S.r.l. e Sepefi Sr.l. entrambe di Roma.

Il Tribunale di Roma, a seguito di richiesta della Dda ha emesso ilprovvedimento che ha reso possibile il quote societarie, capitale sociale e patrimonio aziendale di 7 societa’ di capitali operanti nel settore della compravendita di beni immobili, della costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive, del commercio energia elettrica, dei trasporti marittimi e delle holding impegnate nelle attivita’ gestionali, tra i sequestri emessi risultano anche quelli  ad una  villa sull’Isola di Cavallo (Corsica); ma anche 9  mezzi di trasporto tra  auto e moto; 42 unita’ immobiliari tra in Roma, Gradara (PU) e Olbia, un immobile di pregio a piazza Fontana di Trevi composto da 14 vani e mezzo, ed il succitato complesso turistico di villette a schiera, fronte mare, a Olbia.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

Comments

  • Roma. Operazione Trentanni sequestro beni a Diotallevi e altri | Mediterranews 23 dicembre 2013 at 9:44 AM

    […] Direzione Distrettuale Antimafia. I sequestri preventivi dei beni sono stati compiuti contro  Diotallevi Ernesto, della moglie Lucarini Carolina, dei figli Mario e Leonardo e dei “prestanome” […]

    Reply
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com