EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Rom in Italia: nella Regione Liguria si accoglie, nella Regione Toscana ed in Versilia si sgombera

bandiere della Nazione RomAppello alla Prefettura di Lucca: sospendere lo sgombero dell dall’ex Camping Internazionale Versilia – Comune di Seravezza

Il Sindaco di Seravezza Ettore Neri ha firmato stamani, 3 aprile 2014, ordinanza di sgomobero delle famiglie Rom presenti all’interno dell’ex Camping Internazionale Versilia in Via Vittoria Apuana.

http://iltirreno.gelocal.it/versilia/cronaca/2014/04/03/news/c-e-l-ordinanza-di-sgombero-del-campo-rom-abusivo-1.8970804

Si tratta delle stesse identiche famiglie deportate in Romania nel giugno 2012 dalla Regione Toscana, dal Comune di Seravezza e dall’Associazione Berretti Bianchi tramite fondi pubblici utilizzati per progetti di rimpatrio assistito. Le famiglie dopo essere state  truffate  con un inesistente progetto di “azienda agricola”, sono tornate in Versilia e si sono rivolte alla Magistratura. Il Tribunale di Firenze ha aperto due inchieste con protocollo K 003138/2012 K 003140/2012 affidando le indagini al Sostituto Procuratore Leopoldo de Gregorio.

L’ordinanza sindacale del Comune di Seravezza non prevede nessun tipo di rispetto delle procedure europee e nazionali di inclusione e di tutela dei diritti umani. Nessuna abitazione alternativa proposta alle famiglie Rom, nessuna soluzione se non un brutale e violento sgombero.  Le seguenti personalità ed associazioni presenti al Convegno Italia/Romanì riunito a Roma dal 3 al 5 aprile 2014, per garantire l’effettiva implementazione della Strategia Nazionale di Inclusione dei Rom, dei Sinti e dei Caminanti chiedono al Prefetto di Lucca di sospendere ogni ipotesi di sgombero garantendo il rispetto dei diritti umani. I firmatari dell’ appello chiedono l‘immediata convocazione di un Tavolo Regionale di Inclusione nel rispetto di legge, della Strategia Nazionale di inclusione dei Rom, Sinti e Caminanti con Unar Punto di Contatto Nazionale e degli accordi quadro strutturali sottoscritti dallo Stato italiano il 5 aprile 2011 a Bruxelles:  Marcello Zuinisi – legale rappresentante Associazione Nazione Rom, Luca Bravi – Storico, Stefano Montesi – Fotoreporter, Monica Rossi – CNR IRPPS, Ernesto Grandini – Presidente Associazione Sinti di Prato, Sergio Giovagnoli – Arci Solidarietà, Stefano Pasta – Università Cattolica di Milano, Cecilia Polce – Cittadina Italiana, Daniele Alagia – Studente Antropologia Università la Spienza di Roma, Michela Castiglioni – Africa Insieme, Francesco Napolitano – Attivista Movimento Cinque Stelle Municipio IX Comune di Roma.

Il Presidente della Camera Laura Boldrini ha mandato un messaggio al convegno romano  dichiarando:  chi calpesta i diritti di Rom e Sinti ha in mente una società in cui i diritti di tutti, inclusi i suoi, siano meno tutelati“.

http://www.today.it/cronaca/boldrini-rom-convegno-21luglio.html

Il direttore di Unar – Marco de Giorgi ed il Senatore Francesco Palermo della Commissione Diritti Umani sono stati informati di quanto in atto nel territorio del Comune di Seravezza ed in Toscana. Domani si terrà a Bruxelles il “ROMA SUMMIT” per promuovere politiche di inclusione della popolazione Rom in tutta l’Unione Europea. Mentre la Regione Toscana continua a violare la Strategia Nazionale di Inclusione calpestando i diritti umani estromettendo le organizzazioni Rom dalle decisioni politiche sulla propria vita, nella Regione Liguria si è da tempo insediato il Tavolo Regionale che vede la società civile Rom sedere con gli Amministratori Regionali e Locali, con le Prefetture e decidere le poitiche di inclusione lavorativa, abitativa, scolastica, sanitaria nel rispetto dei diritti umani. Un esempio da seguire per i Comuni di Roma, Milano, Napoli, Torino, Venezia e per tutte le Regioni in Italia.https://mediterranews.org/2014/04/strategia-nazionale-di-inclusione-rom-sinti-e-caminanti/


About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com