Medit...errando

Taranto, la bella Città dei Due Mari

Taranto, in Puglia, si affaccia sull’omonimo golfo ed ha dato i natali al drammaturgo Livio Andronico. Taranto è nota anche come la Città dei Due Mari.

Taranto

Taranto è nota come la città dei due mari perché si affaccia sul mare Piccolo e sul mare Grande. I due mari sono collegati da un canale navigabile.

Il castello sant’Angelo, o aragonese, si affaccia sul mare. Il maniero, voluto da Ferdinando d’Aragona nel XV secolo, è stato costruito su una struttura più antica. E’ circondato da quattro torri cilindriche, ha una base quadrangolare ed è visitabile.

L’edificio religioso più importante della città è la chiesa di san Cataldo, risalente all’anno mille e successivamente rimaneggiata. Gli interni sono un tripudio di stucchi, colonne e marmi.
Da non perdere la settecentesca torre dell’orologio e la chiesa di san Domenico.

“Gli ori di Taranto”

 Il museo archeologico conserva reperti relativi all’arco di tempo che intercorre dalla preistoria al medioevo. E’ considerato fra i più importanti delle regioni del Sud d’Italia e permette di tracciare la storia della città sin dalle epoche più remote. Sono particolarmente preziosi gli ori di Taranto, una collezione unica di età ellenistica. La produzione di squisiti monili e le elaborate tecniche orafe degli artigiani locali derivavano dalla cultura greca.

Taranto e la leggenda delle sirene

La leggenda racconta che in un lontano passato nel mare antiastante la città abitassero le sirene. Un’antica leggenda vuole a Taranto vivesse una coppia di sposi: un pescatore e la bellissima Skiuma. A causa del suo lavoro lui era spesso lontano da casa e lei trascorreva lunghe giornate da sola. La bellezza di Skiuma non passava inosservata e ben presto di lei si invaghisce un ricco possidente. Dopo una lunga corte, la giovane donna cede alla tentazione ma, pentita, confessa tutto al marito. Il giovane, spinto dalla rabbia e sapendo che lei non sa nuotare, la porta con sé in barca. Giunti in mare aperto la fa cadere in acqua. Skiuma sparisce fra i flutti. Il gusto amaro della vendetta però induce il giovane sposa a tornare subito a cercare la sua amata che però non è morta.

Le sirene, rimaste ammaliate dal suo leggiadro aspetto, l’hanno portata con al loro castello facendola diventare la loro regina. I gemiti dell’omicida attirano le sirene che decidono di portarlo alla loro signora. Skiuma riconosce subito il suo uomo e decide di perdonarlo; chiede poi alle sirene di riportarlo a riva. Il poveretto vuole riavere con sé sua moglie ma non sa come fare. Una fata gli svela che l’unico modo è cogliere il fiore che sboccia nel giardino delle sirene. Acquista una grande quantità di gemme ed ori e le getta in mare, così che le sirene si avvicinino e lascino Skiuma sola.

La bella regina coglie il raro fiore e lo consegna alla fata che la libera dalla dorata prigionia. La coppia è finalmente libera di tornare a casa, a Taranto, e di amarsi per sempre. In ricordo delle sirene nel porto cittadino sono state installate delle statue di Francesco Trani  che le rappresentano


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close