Italia

Carceri: urgono assunzioni

I contagi da Coronavirus in Italia continuano a destare molta preoccupazione, per via dell’aumento
costante delle persone risultate positive e dell’ultimo Dpcm del Governo Conte, al centro di numerose polemiche sui possibili danni che potrebbe causare all’economia del Paese. Occhi puntati anche sulla delicata situazione in cui versano gli istituti penitenziari italiani che, nonostante le
numerose segnalazioni e proteste da parte delle organizzazioni sindacali continua ad essere allarmante.
Pochi uomini a disposizione che molto spesso fanno fatica a fronteggiare le rivolte da parte dei detenuti più violenti e continue aggressioni ai danni degli agenti. E’ questa l’allarmante situazione delle carceri italiane che negli ultimi tempi sono state teatro di violente rivolte come quelle verificatesi lo scorso marzo dopo che l’esecutivo ha emanato le misure anticontagio che aveva portato alla sospensione dei colloqui con i familiari.

Carceri: rivolta a Regina Coeli


Solo alcuni giorni fa, nel carcere romano di Regina Coeli è scoppiata un’altra rivolta da parte dei detenuti, i quali “armati” di utensili di cucina hanno iniziato a battere le sbarre delle celle. I motivi della protesta scatenatasi all’interno dell’istituto penitenziario dove si contano 387 reclusi oltre la capienza, restano ancora ignoti. E non mancano nemmeno le aggressioni ai danni dei poliziotti penitenziari come quella verificatasi nell’istituto di pena di Frosinone, dove un detenuto italiano con
problemi psichici ha aggredito un assistente capo della Polizia Penitenziaria che è dovuto ricorrere alle cure sanitarie. Per la Fns Cisl Lazio, infatti, occorre che l’esecutivo dia una risposta concreta sul completamento al 100% della dotazione organica che in altri termini, significherebbe assumere non meno di 4 mila agenti di Polizia Penitenziaria, al fine di garantire maggiore sicurezza nelle carceri.

Carceri: nuova selezione personale


Sempre per quanto riguarda gli organici del Corpo, è stato indetta una nuova procedura concorsuale per il reclutamento di 976 allievi agenti riservata ai volontari di ferma prefissata di un anno e i
VFP4; concorso che, a causa delle misure di contenimento del Covid-19, con molta probabilità verrà espletata nel 2021. Nel contempo, ci sarebbe un’altra procedura già avviata da circa un anno ,
ovvero, il bando per l’arruolamento di 754 allievi agenti, per i quali è stato già chiesto tante volte uno scorrimento delle graduatorie degli idonei ai quiz delle aliquote militari e civili ed una velocizzazione delle procedure di assunzione, al fine di garantire più personale negli istituti penitenziari in tempi più rapidi ed arginare alcune delle criticità che purtroppo si registrano tuttora negli istituti.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close