Medit...errando

Un’isola incontaminata: Mal di Ventre

L’Isola di Mal di Ventre è un angolo di paradiso. Situata nelle coste a nord ovest del golfo di Oristano, è un’isola battuta dal vento e il moto ondoso del mare aumenta e diminuisce con estrema frequenza e rapidità. Mal di Ventre, Malu Entu, nella parlata sarda, che grazie alle sue candide spiagge ed al suo mare cristallino e pescoso è meta particolarmente ambita dai turisti. Quando le condizioni del tempo lo permettono, l’isola può essere raggiunta anche con piccole imbarcazioni da diporto, inoltre nella bella stagione è possibile usufruire tutti i giorni di un servizio stagionale di trasporto giornaliero via mare.

I fondali dell’isola di Mal di Ventre sono costituiti quasi esclusivamente di granito, al quale si alternano ampi tratti di sabbie grossolane e fini di origini silicica. La composizione ed i colori del fondale marino sono costantemente messi in evidenza dalla straordinaria limpidezza delle acque, la visibilità infatti spesso raggiunge e supera i 35 metri; lo spettacolo, al quale si aggiungono una serie di fioriture algali e non, è stupendo tanto da essere definito tra i più belli ed interessanti del Mediterraneo.

Giungendo a Mal di Ventre si ha quasi l’impressione di trovarsi di fronte ad un territorio inospitale, in cui soltanto poche forme vegetali possono sussistere.Ma non è così: l’isola è brulicante di vita animale e le presenze faunistiche in essa sono molteplici, estremamente varie e di grande valore naturalistico.

E’ soprattutto nella primavera che l’isola si mostra in tutto il suo fascino, arricchendo e completando uno scenario naturale di grande suggestione. Non ci sarà difficile intravvedere conigli selvatici, lucertole assai diverse di quelle a cui siamo abituati, e non è difficile imbattersi in alcune specie di tartarughe terrestri veramente straordinarie. E nel cielo il Gabbiano Corso, gli Uccelli delle tempeste,il Maragone dal ciuffo. Fra i rapaci che visitano l’Isola il più interessante è senz’altro il Falco della Regina. Questo mitico uccello, abilissimo ed instancabile volatore, a primavera inizia una lunga e faticosa migrazione che, dal Madagascar e dalle coste dell’Africa orientali, luoghi in cui sverna, lo porterà sino al Mediterraneo e quindi alle coste sarde, dove nidifica.

Al suo interno l’Isola di Mal di Ventre è deserta, seppure la presenza di alcuni siti nuragici, fa supporre che fosse una meta per questo popolo e nel tempo fenici e romani che la sfruttavano come terra di esilio. Fu poi meta ambita dei pirati e corsari. Qualche decennio addietro veniva utilizzata dai pastori come pascolo per le greggi.

Le costruzioni sono pochissime; la più grande è una vecchia capanna diroccata, il cui tetto è stato ripristinato con dei teloni, mentre di più recente edificazione è il faro ad ottica fissa, nel punto più alto dell’isola alimentato ad energia solare.

Aggredita dal vento di Maestrale, la vegetazione è costituita prevalentemente da lentisco, tamerici, tife e bassa vegetazione erbosa. Sull’isola di Mal di Ventre sono presenti diverse spiagge molto belle soprattutto sul lato orientale;le piccole spiagge e le calette dell’isola sono veri e propri paradisi naturali, sabbiose ed isolate, incontaminate e dove è facile avvistare tortore, gabbiani e cormorani. Il mare è molto bello, azzurro e turchese, cristallino, trasparente ed ideale per gli amanti dello snorkeling. Tutte le pittoresche calette dell’isola sono facilmente raggiungibili in barca dalla terraferma.

 

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close