Italia

Blocco della Sardegna. Il malcontento dei cittadini

Blocco dell Sardegna, una iniziativa che non piace.

Forti le parole con cui qualche giorno fa, uno dei leader del popolo delle partite iva invitava i sardi ad “incazzarsi”. Ma dietro tutto questo protestare chi e cosa c’è? La Sardegna inizia ad essere insofferente e l’Isola è abituata a controllare i propri concittadini, a sa tutto quel che accade e non accade, fatti e misfatti di ogni abitante. Ed infatti il blocco dell’Isola non è accolto bene anche e sopratutto perchè si conoscono i curricula dei tanti presidianti. Parlando e leggendo qua e là scopriamo che, blocchi “chi ci ferma non ha mai emesso una fattura,che ha i dipendenti che lavorano in nero,che sta dalla mattina alla sera buttato nel bar e poi lo senti dire non c’ è lavoro…è screditare pure la povera gente che realmente sta li ed ha l’ acqua alla gola….!!!!!” Oppure ”  c’ è gente che va lì m(ai blocchi ndr)  e ci crede vermente che ci sta rimettendo la faccia per colpa di molti altri” Oppure testimonianze come “…miei colleghi di paesi vicini sono passati ai blocchi subito solo perchè conoscevano chi bloccava la strada..altri lì a marcire” Qualcuno denuncia una sorta di differenza, infatti ad Iglesias, la merce di Nonna Isa è arrivata e tutta. Nei presidi sono stati segnalati molti cittadini in stato di ubriachezza molesta.


Intanto il malcontento cresce e non è raro notare negozi e negozietti chiusi per mancanza di merce specie nei paesi dell’entroterra.

Intanto ad Olbia il porto è libero, non ci sono più blocchi, la SS 131 DCN alle 16.30 era percorribile, nessun manifestante nessun blocco, così come il tratto tra Ghilarza ed Oristano, dal Sulcis intanto non arriva nessun aggiornamento e la protesta, si pensa cominci a sciamare.


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close