EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La dieta mediterranea protegge il cervello

dieta_diabete

La dieta mediterranea svolgo un ruolo protettivo nei confronti di numerose patologie. Di recente è stato dimostrato che aiuta l’intelletto e contrasta la sua degenerazione

Mangiare bene e scegliere una dieta mediterranea favorisce il benessere di tutto il corpo, cervello compreso. La scienza ha individuato uno stretto legame fra il cibo e la salute dell’intelletto che può essere protetta prediligendo un’alimentazione variata, ricca di verdura e frutta.

Lo studio scientifico sulla dieta mediterranea

I ricercatori della Columbia University di New York hanno studiato 674 persone sane con un’età media di 80 anni, provenienti da Manhattan. La ricerca ha dimostrato che la dieta mediterranea permette di avere un cervello più esteso e più in salute. I pazienti sono stati sottoposti a vari controlli, come delle risonanze magnetiche, e hanno illustrato le abitudini alimentari; al termine è stato evidenziato che la dieta mediterranea consente di avere circa 5 millilitri in più di materia grigia.

Gli alimenti che non dovrebbero mai mancare sono la frutta secca e fresca, l’olio extra vergine d’oliva, la verdura e le proteine. La ricerca statunitense ha permesso di sottolineare che la salute dell’intelletto passa, anche, dalle combinazioni alimentari. E’ importante scegliere almeno cinque ingredienti benefici, largamente presenti nella dieta mediterranea, come l’olio extra vergine d’oliva, la frutta secca, la frutta fresca, i cereali, la verdura e i legumi.

Un’alimentazione sana e variata, oltre a mantenere attivo il cervello contrasta l’insorgenza di altri gravi patologie, come per esempio il sovrappeso, il diabete e l’ipertensione arteriosa.

dieta

I nemici dell’intelletto

L’intelletto può rimanere giovane a lungo mettendo in atto alcuni semplici accorgimenti, come per esempio leggere e praticare un’attività fisica, sempre dopo aver effettuato una visita medica. Inoltre, è importante il sonno che non solo migliora le capacità mnemoniche ma influisce positivamente su tutto il cervello.

Un altro aspetto molto importante riguarda l’impiego dello zucchero che non deve mai essere eccessivo. Uno studio condotto presso l’università Cattolica del Sacro Cuore da Claudio Grassi e Giovanni Pani ha dimostrato che troppo zucchero può rallentare la produzione di preziose cellule staminali.

Quando si blocca la riproduzione di questa cellule si può andare incontro a gravi patologie degenerative, come per esempio l’ Alzheimer. Proprio per questo è importante non eccedere con lo zucchero e gli alimenti che lo contengono. Per dolcificare in maniera naturale ed efficace si può ricorrere ad altri prodotti come per esempio la stevia. Si tratta di una piantina dal forte potere dolcificante che non apporta calorie ed è ormai largamente utilizzata dall’industria sia per realizzare dolcificanti che in bibite e altri alimenti.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com