Salute

Il cioccolato fondente per migliorare il tono dell’umore

Il cioccolato fondente potrebbe ridurre il rischio di avere problemi d’umore. Oltre ad essere ricco di preziosi antiossidanti potrebbe aiutare a tenere lontani i disturbi psicologici.

Il cioccolato fondente e l’umore

Da tempo si parla di una possibile correlazione fra il cioccolato, in particolare il fondente, ed il tono dell’umore. Una ricerca recente ha sottolineato che se si consuma regolarmente questo alimento le possibilità di depressione scendono notevolmente. Dai dati emerge che se si assumono più di 104 grammi al giorno il rischio di ammalarsi si abbassa del 54%. Gli esperti però hanno sottolineato che sia necessario approfondire ulteriormente il tema. Bisogna individuare con certezza il rapporto che esiste fra la depressione ed il cioccolato fondente , arrivando poi a determinare le quantità utili al consumo giornaliero.
E’ possibile che il cioccolato abbia un’influenza positiva sul tono dell’umore grazie al suo contenuto di polifenoli, magnesio, antiossidanti e caffeina. Il fondente apporta vitamine del gruppo B, betacarotene, vitamina A, potassio, ferro e magnesio.

Fondente, al latte o bianco. Le differenze

In commercio si trovano molte tipologie di cioccolato. I più dolci sono il bianco ed al latte mentre il fondente si caratterizza per il suo sapore amaro.
La legge stabilisce che nel fondente la percentuale di cacao sia almeno pari al 43%. Più la percentuale aumenta e maggiormente il sapore sarà particolare e persistente. Fra i suoi ingredienti può rientrare anche lo zucchero.

Il cioccolato al latte ha una percentuale di cacao che non può essere inferiore al 23%. Invece, il bianco si prepara con zucchero, latte e burro di cacao che non può essere inferiore al 20%. Sul mercato si trovano varie qualità di cioccolato bianco, adatto anche a quanti non consumano latte.

Nonostante il cioccolato sia un alimento benefico ha un apporto calorico importante ed è bene consumarne quantità ridotte.  Ogni 100 grammi di cioccolato fondente si sviluppano circa 590 calorie.

Per non eccedere con le calorie è meglio mangiarlo a colazione o dopo l’attività sportiva. Invece, sarebbe da evitare l’abitudine di mangiare il cioccolato a fine pasto, soprattutto se il menù era composto da pietanze elaborate e ricche.

Per monitorare le calorie bisognerebbe preferire del cioccolato semplice e non addizionato con creme o frutta secca. Inoltre, quelli con alte percentuali di cacao hanno una presenza minore di zucchero. 

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close