Rubriche

La Madonna della Bruna e la sua leggenda

La Madonna della Bruna e la sua leggenda. A Matera il 2 luglio si festeggia la santa patrona, la cui storia è leggendaria.

La Madonna della Bruna e la leggenda


La cattedrale di Matera, in Basilicata, è intitolata alla Madonna della Bruna. Attorno alla figura della santa patrona esiste una leggenda molto suggestiva.

La storia racconta, che una sera d’estate un contadino tornava a bordo del suo carro verso Matera. Sul ciglio della strada comparve improvvisamente una ragazza che lo fermò e gli chiese gentilmente di farla salire. Il contadino accettò di darle un passaggio. Giunti alle porte della città, presso Piaccianello, la giovane chiese di scendere. Nel salutarlo affermò “Ecco, voglio entrare ogni anno nella mia città così, su un carro addobbato”. Chiese poi all’agricoltore di convocare il vescovo in quel preciso punto.

Il contadino non capì esattamente le sue parole e riprese la marcia. Poco dopo, quando le autorità religiose giunsero sul luogo videro che la donna non c’era più. Al suo posto era presente una bellissima statua bianca della Vergine, detta la Bruna. Il termine Bruna ha varie spiegazioni e per alcuni deve essere ricondotto alla città di Hebron in Giudea. Invece, non ha nessuna correlazione con il colore della statua.

Santa Maria della Bruna

Il 2 giugno Matera ricorda la sua santa patrona. E’ la ricorrenza religiosa più rilevante e particolare. La festa prevede un’intera giornata di eventi; a fine serata la statua sia portata in processione su un carro di cartapesta riccamente addobbato. Una volta giunto davanti alla cattedrale compie tre giri.

Successivamente, in un clima di grande gioia si procede alla demolizione del carro che localmente è detto strazzo. Si tratta di un rito con una forte valenza simbolica e religiosa.

Tutti i devoti tentano di prenderne un pezzetto della grande struttura per tenerlo con sé o nasconderlo a casa perché considerato beneaugurante.

La cattedrale, edificata su un precedente luogo di culto, è intitolata alla Madonna della Bruna e a sant’Eustachio, è di epoca medioevale. Sulla facciata romanica un grande rosone composto da sedici raggi. All’interno, oltre ad un ricco soffitto ligneo si può ammirare un presepe cinquecentesco realizzato in pietra.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close