Rubriche

Pesce fresco, come riconoscere il pesce migliore

Il pesce fresco si può facilmente riconoscere osservando il colore e l’aspetto. Scopriamo come capire se si tratti effettivamente di pesce fresco.

Pesce fresco, come riconoscerlo


Per riconoscere con sicurezza un pesce effettivamente fresco è fondamentale osservare alcuni dettagli.

 Le branchie devono avere un colore rosso vivo e non tendente al marrone. Il colore è un ottimo indicatore anche per il pesce a tranci. Le carni non devono avere una colorazione cangiante, spenta oppure troppo scura. Se è presente del sangue, deve essere rosso vivo.

Gli occhi devono essere convessi , devono apparire lucidi e di colore intenso.

Nei pesci appena pescati le squame sono aderenti e la pelle appare lucida e bagnata. Il profumo deve essere gradevole e deve riguardare il mare.
Quando aleggia un odore acuto e sgradevole quasi sempre si tratta di prodotti prossimi alla scadenza.

Un metodo semplice per individuare un pescato effettivamente fresco è prendere un pesce per la coda e verificare che resti sufficientemente rigido. In alternativa, si può toccare con un dito la pelle che non deve risultare morbida, asciutta o troppo cedevole. Le carni sode e consistenti sono un chiaro segnale di ottimo pesce.

Invece, è bene prestare attenzione se l’occhio appare vitreo, concavo e ormai spento. Potrebbe trattarsi di pesce pescato da tempo se le squame si staccano, le carni sono cedevoli e di colore scuro.

I crostacei da preferire hanno un profumo piacevole e hanno un colore acceso. Le cozze da acquistare, che devono essere sempre stabulate, sono chiuse ed hanno il guscio integro; lo stesso vale per le vongole.

Pesce fresco in tranci

I pesci di grossa taglia, come per esempio lo spada ed il salmone, si trovano molto spesso a tranci. Capire se si tratti o meno di pesce fresco non è sempre facile.

Una regola molto semplice è quella di affidarsi ad un pescivendolo di fiducia. Non potendo osservare la testa, bisogna concentrarsi sulle carni, valutandone il colore e la consistenza. Le squame devono essere umide, lucide e ben aderenti alla pelle. L’odore deve richiamare, piacevolmente, il mare.

Bisogna sempre leggere con attenzione le etichette sulle quali deve essere riportata la zona di cattura e la metodologia di pesca.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close