Un mare di ricette

All’Expo arriva il porceddu

Tipica specialità sarda, all’Expo di Milano arriva il porceddu: Esplora il classico maialetto sardo, una delle prelibatezze più rinomate della tipica cucina della Sardegna, approda in questi giorni all’Expo 2015, l’evento dedicato alla conoscenza della cultura culinaria di tutto il mondo.

E come poteva mancare, in un evento così rappresentativo della cucina italiana (e non solo), la specialità di questa terra?

E così, dopo diverse peripezie, la Sardegna si presenta, grazie al lavoro dell’Assessorato della Sanità ed alla collaborazione della Coldiretti, con il suo piatto tipico, per farsi conoscere ed apprezzare dai tanti visitatori che ogni giorno raggiungono il Padiglione della Coldiretti.

La vicenda del purceddu è stata a lungo tempo oggetto di critiche e di polemiche, specialmente da parte dei sardi che non accettavano la decisione di non portare il ‘porcetto sardo’ all’Expo a causa del fatto che esso potrebbe essere portatore della peste suina, malattia virale che contagia gli animali – sia domestici che selvatici – ma non ha alcun effetto sull’uomo.

Grazie all’intervento ed alla collaborazione tra l’Assessorato alla Sanità e il padiglione della Coldiretti, venerdì 26 giugno alle 10.30 tutti i visitatori dell’Expo potranno finalmente apprezzare e godere della prelibatezza sarda, alla presenza del presidente della Coldiretti (Roberto Moncalvo) e degli allevatori della Sardegna.

Il piatto sardo è uno dei piatti cosiddetti proibiti per la malattia che ad esso è collegata, ma è anche una delle prelibatezze che suscitano curiosità ed attenzione degli amanti della buona cucina, e pertanto non sono dei visitatori dell’Expo, ma anche di coloro che sono alla ricerca di corsi di cucina Milano.

Ovviamente, la massima attenzione sarà dedicata alla sicurezza su questo alimento che, prima di raggiungere il Padiglione ad esso dedicato, sarà oggetto di numerosi controlli. A partire dall’arrivo, fino alla preparazione ed alla cottura del piatto, sarà l’Asl di Milano a ‘sorvegliare’ sulle varie fasi ed a garantirne il rispetto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Privacy Policy Cookie Policy