EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sebastiano Vassalli tra gli autori di prima prova esame maturità 2019?

Sebastiano Vassalli potrebbe essere uno degli autori scelti per la maturità 2019. Rappresentante delle avanguardie letterarie del ‘900, Sebastiano Vassalli ha vinto il premio Strega nel 1990.

Sebastiano Vassalli, la vita

Sebastiano Vassalli nasce il 24 ottobre 1941 a Genova. Da ragazzo si trasferisce in Piemonte presso alcuni parenti e frequenta l’università a Milano. Si laurea in lettere ed intraprende la carriera di professore. Proprio a Milano ha la possibilità di frequentare e conoscere le tendenze culturale degli anni ’60.

Nel 1990 vince il premio Strega col romanzo storico “La Chimera”. Ha scritto per testate giornalistiche come “La Stampa” e “La Repubblica”.

Muore il 26 luglio del 2015 a Casale Monferrato, in provincia di Alessandria.

Sebastiano Vassalli, la poetica

Interessato a tutte le forme di arte, in gioventù è stato un rappresentate degli avanguardisti. A questo periodo risale “Lui” e la raccolta poetica “Disfaso” del 1968 e le poesie “Belle lettere”.

Ha fatto parte del “Gruppo ‘63” che raggruppava artisti ed intellettuali come Edoardo Sanguineti, Umberto Eco, Inge Feltrinelli e Luigi Malerba. Osservatori attenti della nuova società, i membri del gruppo sperimentano una lingua differente, ispirata anche alle innovazioni tecnologiche.

Negli stessi anni si dedica all’editoria fondando la rivista “Ant.Ed”.

Dopo l’esperienza avanguardista, Vassalli si dedica alla prosa e alla produzione di romanzi dalle forme meno sperimentali.

L’approfondimento storico e la ricerca si manifestano in romanzi come “Dux” dedicato a Giacomo Casanova e “Marco e Mattio” dove si narra la storia del calzolaio Mattio Lovat.

“La Chimera”, ambientato nel XVI secolo, approfondisce la tragedia di Antonia, condannata a morte per stregoneria. Nell’Italia dell’Inquisizione Antonia viene accusata di essere una strega per via dei suoi comportamenti differenti e poco inclini al rispetto delle regole.

Negli ultimi anni firma romanzi come “Stella avvelenata” ed “Il confine” che affronta il tema dell’annessione all’Italia del Tirolo, in seguito alla grande guerra.

Postumo è “Io Partenope”, la storia vera di suor Partenope, ossia Giulia di Marco, considerata eretica e per questo duramente punita dalle autorità religiose.

 

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com